Il tuo IP č 3.238.232.88
Notizie

 
Gianetti Day 2016

I Mondiali del 1996 rivivono con il Gianetti Day

Inserito il 16 agosto 2016 alle 13:30:00 da ale.ferrarotti. IT -

Un mondiale in cui Mauro Gianetti tenne con il fiato sospeso l'intera Svizzera. Il ticinese, in fuga con il belga Johan Museeuw, fu battuto allo sprint cogliendo una bellissima medaglia d'argento. I partecipanti del Gianetti Day si daranno battaglia sullo stesso percorso in cui si corse il Mondiale di Lugano del 1996. Iscrizioni disponibili con un massimo di 2016 partecipanti.  


Gianetti tenta la vittoria al mondiale di Lugano del 1996

16 Agosto 2016, Lugano (Ti) – Fu un giornata indimenticabile, forse la più memorabile della sua carriera, quella vissuta da Mauro Gianetti nel Mondiale di Lugano del 1996. Correva il 13 Ottobre, quando il ticinese riuscì ad ottenere una storica medaglia d'argento sulle strade luganesi. Sulle spalle del beniamino di casa gravava il peso di un'intera nazione e le aspettative erano veramente alte. Fu con questa responsabilità che Mauro Gianetti partì per affrontare il Mondiale di casa in cui colse quell'ottimo risultato.

L'azione decisiva fu lanciata da dodici corridori intorno alle quattro ore di gara  e nella quale Gianetti e Museeuw si inserirono molto intelligentemente. I dodici, di comune accordo, presero subito un bel vantaggio arrivando a superare i 3 minuti e, sin da subito, fu la nazionale italiana che si mise a controllare la situazione in testa al gruppo per non far prendere il largo agli attaccanti. Fu negli ultimi tre giri di gara che successe davvero di tutto, da dodici i fuggitivi rimasero in sette e nel gruppo alle loro spalle, ormai ridotto a poche unità, la nazionale italiana iniziò a dettare un ritmo molto importante portando il gruppo principale a meno di un minuto dai sette. Le vere emozioni si vissero negli ultimi trenta chilometri di gara quando Museeuw, ripetendo l'azione del giro precedente, provò a staccare i compagni di fuga in salita. Subito dopo aver lanciato l'attacco rimase solo ma, proprio in vista dello scollinamento, Gianetti con una bella azione ritornò sul belga a velocità doppia. A questo punto, con meno di trenta chilometri all'arrivo, i due attaccanti si misero a testa bassa nel tentativo di raggiungere l'arrivo. Furono vari campioni come il francese Jalabert, il belga Axel Merckx e dei due italiani Tafi e Bartoli a provare a ribaltare la situazione, ma tutto servì solo per andarsi a giocare la terza piazza. I due di testa percorsero gli ultimi sedici chilometri del circuito respingendo gli attacchi provenienti dalle retrovie e si presentarono sul rettilineo finale, dove Gianetti dette vita allo sprint in cui, con uno volata di potenza, Johan Museeuw vinse l'oro costringendo all'argento un emozionante Mauro Gianetti. A disputarsi il bronzo si presentarono in quattro e fu l'italiano Bartoli ad aggiudicarselo anticipando il figlio d'arte Axel Merckx.

È con questo ricordo che il Gianetti Day 2016 festeggerà i suoi vent'anni da quell'impresa sulle strade proprio di quel mondiale. I granfondisti che prenderanno il via, si sfideranno su questo circuito e avranno la possibilità di scegliere tra il corto di due giri per 33 chilometri, il classico di 4 giri per 66 chilometri e il mediofondo di 6 giri per 100 chilometri.

Le iscrizioni online possono essere effettuate fino al 5 ottobre 2016 sul sito ufficiale oppure tramite l’apposito formulario. Fino al 31 agosto sarà possibile iscriversi ad una quota agevolata di 50 franchi svizzeri (46 euro), dopodiché incrementerà a 65 franchi svizzeri (60 euro) fino al 18 settembre per poi arrivare al prezzo ultimo di 80 franchi svizzeri (73 euro) fino al 9 ottobre.

 
Tutte le informazioni e modalità di iscrizione sono disponibili sul sito ufficiale della manifestazione.

Segui il Gianetti Day 2016 anche su Facebook.
 

Letto : 1065 | Torna indietro